Cura degli attacchi di panico

Cura degli attacchi di panico

La ripresa senza trattamento è possibile, anche per chi ha attacchi di panico ricorrenti o ansia anticipatoria, soprattutto quando sono ripetutamente esposti alla situazione di stimolo.
Coloro che non guariscono spontaneamente, o non cercano un trattamento, però, continuano ad avere attacchi di panico occasionali e a tempo indeterminato.
Gli individui rispondono meglio al trattamento quando capiscono che il panico patologico coinvolge i processi biologici e psicologici.
I farmaci e la terapia comportamentale, di solito, può controllare i sintomi.
Inoltre, la psicoterapia può aiutare a risolvere qualsiasi conflitto psicologico che può essere alla base sentimenti e comportamenti ansiosi.
I farmaci utilizzati nel trattamento del disturbo di panico sono gli antidepressivi e gli ansiolitici (ad esempio, benzodiazepine).
I farmaci antidepressivi che si sono dimostrati efficaci sono: gli antidepressivi triciclici (ad esempio, imipramina), gli inibitori della monoamino ossidasi (ad esempio, fenelzina) e gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (ad esempio, fluoxetina).
Sebbene diversi benzodiazepine sono dimostrati efficaci in studi sperimentali controllati, solo alprazolam è stata approvata per il trattamento di disturbi di panico.
Le benzodiazepine agiscono rapidamente, come gli antidepressivi, ma possono causare dipendenza fisica e hanno maggiori probabilità di causare alcuni effetti collaterali, come, ad esempio, sonnolenza, cambiamenti nella coordinazione e riduzione del tempo di reazione.
Quando un farmaco è efficace, previene o riduce notevolmente il numero di attacchi di panico.
Nel caso del distrubo di panico, un farmaco può essere utilizzato per un lungo periodo.
Spesso, la terapia di esposizione, un tipo di terapia comportamentale in cui l’individuo è ripetutamente esposto a qualcosa che fa scattare un attacco di panico, aiuta a ridurre la paura.
La terapia di esposizione viene continuata finché l’individuo sviluppa un alto grado di confort. La pratica di respirazione superficiale e lento (controllo respiratorio) aiuta molte persone che hanno la tendenza all’iperventilazione.
Una psicoterapia di sostegno, meno intensiva, è sempre appropriata, in quanto il terapeuta può fornire informazioni generali sulla malattia, sul trattamento e sulla realistica speranza di miglioramento e di sostegno derivanti da un rapporto di fiducia instaurato con lo specialista stesso.

La terapia cognitiva per superare gli attacchi di panico e i problemi dell’ansia

Molte volte siamo in grado di gestire questi problemi da soli o con l’aiuto della nostra famiglia o degli amici ma,a volte, si deve beneficiare di un aiuto professionale per superare i problemi emotivi prima che diventino invalidanti.
Quindi, quando si dispone di una malattia fisica si aspetta prima di consultare un medico.
La decisione di chiedere aiuto è un segno di saggezza e di buon senso.
Cerchiamo di rispondere ad alcune domande, dando alcuni suggerimenti utili.
-“E se fallisco in questo test? La mia carriera può essere rovinata. Mi sento male solo a pensarci e quindi non riesco a studiare. Ma devo studiare o … “.
– “Non posso dare quell’esame domani perché so che sarò così nervoso, tanto che ho dimenticato cosa devo dire. Mi vedo lì con gli occhi puntati su di me”.
-“Non riesco a sopportare l’idea di prendere l’ ascensore ogni giorno”.
-“Ogni volta che esco di casa, il mio cuore inizia ad accelerare. Sono sicuro che potrei avere un attacco di cuore, mio padre è morto per questo “.
Questi sono esempi di pensieri ed emozioni che appaiono frequentemente nelle persone che soffrono di ansia e di fobie. Per quanto l’ansia e le fobie siano basate sulla paura, si teme anche qualche tipo di pregiudizio o di minaccia a se stesso e al proprio benessere. Questo senso di minaccia si manifesta con numerosi sintomi fisici: respirazione rapida, rapida frequenza cardiaca, vertigini, mal di testa, sudorazione, secchezza delle fauci, dolori muscolari, ecc.
Quando l’ansia è prolungata o cronica, compaiono questi sintomi “minacciosi” e “incontrollabili” , tanto da sembrare una malattia o una disabilità vera e propria.
L’ansia e i relativi sintomi non sono pericolosi.
Nessuna delle reazioni fisiche o emotive dell’ansi indicano che la persona è gravemente malata o che sta impazzendo. Questi sintomi possono essere fastidiosi ma possono essere tollerati fino a scomparire, e scompaiono da soli se si smette di avere pensieri negativi.

La natura dell’ansia e della fobia.
Le fobie possono causare ansia intensa accompagnate da vari sintomi fisici ed
emotivi. La persona che soffre di ansia reagisce ad un oggetto o ad una situazione
specifica che, in qualche modo, potrebbe essere evitata.
Tuttavia, la persona che soffre di ansia generale non sempre conosce la fonte della propria ansia. La causa potrebbe dipendere dalle circostanze.
Quando la causa dipende da circostanze della vita che si è costretti ad affrontare, l’attacco di ansia non si riesce ad evitare.
A volte, la paura è utile per riconoscere le situazioni di vera e propria minaccia e di pericolo per prepararsi ad affrontarla.
La persona che soffre di reazioni di ansia o di fobie eccessive non sempre ha la percezione della realtà della situazione.
Di fronte una situazione di sfida, come un esame o un colloquio di lavoro, alcune persone possono ingrandirne le difficoltà e possono accentuare la possibilità di un risultato negativo. Allo stesso tempo, possono ignorare o sottovalutare la capacità di gestire la propria paura. In altre parole interpretano erroneamente la realtà.
Per quanto riguarda le situazioni di pericolo si possono verificare 2 eventi: non vi è l’esistenza di tali situazioni oppure potrebbero essere gestite, qualora non fosse intervenuta l’ansia.
Inoltre, quando la persona con problemi significativi di ansia diventa pienamente consapevole delle proprie reazioni, fisiche ed emotive, legate alla ansia, si può iniziare a temere questi sintomi ancora di più rispetto alla situazione stessa.

Ansia
L’ansia è spesso basata su interpretazioni distorte della realtà. Diversi studi hanno dimostrato che certi pensieri automatici e le immagini mentali accompagnano l’ansia.
Questi pensieri sono, di solito, concentrati sul futuro: “Perdendo il controllo di me stesso, sarò umiliato”, “morirò di un attacco di cuore”, ecc.
Secondo questi studi, una volta identificata l’ansia può essere sradicata.
Il metodo da seguire è quello della terapia cognitiva, in quanto si basa sulle abitudini che influenzano il pensiero, le emozioni e il comportamento.

Applicazione del metodo cognitivo
Nella storia che segue, si può riconoscere come una “voce interiore”, quella dell’ansia, che annulla la capacità di funzionare correttamente.
Un ragazzo voleva chiedere un appuntamento ad una ragazza ma, ogni volta che stava per farlo, gli sorgevano pensieri del tipo: “penserà che io sia un pazzo”, “non mi noterà mai, sarò rifiutato”.
Quando questi pensieri gli venivano alla mente, iniziava a pensare di essere un perdente.
Attraverso la terapia cognitiva, si impara a usare la capacità di ragionare e di osservare le situazioni che causano ansia.
Eliminando le distorsioni e le inadeguatezze del proprio pensiero, si svilupperanno nuovi modi di gestire le situazioni con calma e in modo efficace.

Fasi della terapia cognitiva
Il 1° stadio: riconoscere i pensieri automatici ogni volta che ci si sente ansiosi.
Per aiutare a riconoscerli, ricordare le sue caratteristiche:
-sorgono automaticamente e sono collegati al ragionamento consapevole o seguono un qualsiasi schema logico;
-sono irrazionali;
-sembrano plausibili e reali
-non hanno alcuna funzione utile e interferiscono con la capacità di controllare
il proprio comportamento.
I pensieri automatici possono essere innescati da un evento, ad esempio: un esame, un evento sociale, un appuntamento o un colloquio di lavoro o possono riguardare la possibilità di un evento futuro più o meno lontano o probabile, come l’essere vittima di un attacco di cuore, un incidente o di un crimine.
2° stadio: dopo aver imparato a riconoscere i pensieri, con l’aiuto del terapeuta, si possono analizzare e mettersi alla prova, prendendo in considerazione le proprie conoscenze della realtà personale.
Il terapeuta può anche mostrare come registrare la frequenza e la durata dell’ansia in un grafico. Quando si scopre un attacco di ansia di durata limitata, non si cadrà nel panico al pensiero che esso possa continuare all’infinito.
3° stadio: le strategie di sviluppo e di apprendimento per testare i pensieri su ciò che può accadere.
4° stadio: fase finale o gioco di ruolo. E’ il terapeuta che vi aiuta ad affrontare e gestire le difficoltà, discutendo ciò che si teme.

Pensieri sbagliati
Sono compresi in questa categoria:
1.esagerazione
Una donna è convinta che il marito stia per lasciarla perché troppo vecchia per essere attraente.
La sua ansia è iniziata dalle rughe sul viso e sul collo e dai capelli grigi, cominciando a confrontarsi sfavorevolmente con donne più giovane e sottovalutando l’amore del marito.
2.catastrofizzare
Quando la persona ansiosa anticipa pericoli o difficoltà le percepisce come un disastro totale. Un paziente ansioso, ad esempio, di fronte ad una semplice operazione chirurgica, teme la morte o invalidità prolungata.
3. Supergeneralizzazione:
Un’esperienza negativa, come, ad esempio, essere respinti per una promozione.
4. Ignorare il positivo:
La persona ansiosa sottovaluta la propria capacità di far fronte con successo, dimentica tutte le esperienze positive del passato e anticipa problemi insormontabili e
infinita sofferenza in futuro.

Lavoro
Una parte importante della terapia è l’assegnazione dei compiti. Anche se si imparano i metodi per gestire l’ansia, che possono essere applicati in diverse circostanze, lo svolgimento dei “compiti a casa” svolgono, non solo migliorano la possibilità di utilizzare le strategie sviluppate in terapia, ma forniscono un modo per valutare i pensieri e le situazioni di vita reale. Oltre al monitoraggio, è necessario registrare i pensieri per imparare a come affrontare le situazioni che producono ansia, tanto da essere controproducenti nel controllo delle vostre reazioni.
Ecco alcuni suggerimenti che si possono prendere in considerazione per mettere in pratica le nuove tecniche:
1) Prima di farsi prendere dall’ansia, considerare i “fattori di rischio”;
2) evitare di essere catastrofici
3) Se la vostra mente comincia a riempirsi di immagini disastrose o di umiliazioni, farne una lista e considerare il loro grado di probabilità.
4) Se si hanno dei pensieri ripetuti, fare in modo di provare a smentire la propria paura.
5) Se vi sentite sopraffatti al pensiero di dover affrontare una situazione ansiogeno, affrontatela gradualmente. Ad esempio, alcune persone hanno paura di salire all’ultimo piano di un alto edificio, è consigliabile aumentare i piani uno alla volta.
6) Quando sei di fronte a una situazione che di solito ti fa paura, comincia a diventare forte, focalizzandoti su dettagli non collegati all’ansia. Ad esempio, se ci si trova ad affrontare un esame, leggere il nome della matita o guardare il tipo di abbigliamento dei vostri coetanei, ecc.

Da notare:
Gli inizi sono importanti. Una volta presa la decisione di iniziare la terapia, occorre imparare a superare i problemi e noterete di avere più potere e controllo su voi stessi.
Avere obiettivi definiti può dare uno slancio al vostro programma. Se avete in mente una chiara visione di come cambiare il vostro atteggiamento, vi aiuterà a liberarvi dall’ansia e ad immaginare la vostra vita in modo diverso.
Parlare con il terapeuta o con persone di fiducia, come la famiglia, amici o colleghi interessati al vostro benessere, possono aiutarvi a mettere in pratica le tecniche apprese in terapia.
Sebbene la terapia, di per sé ha una durata limitata, i metodi appresi possono essere utilizzati in molti momenti della vita.
Nessuno è totalmente privo di problemi emotivi, ma è possibile dominare
l’ansia.
Quando la terapia progredisce e diminuisce l’ansia, la vostra fiducia aumenterà e
scoprirete un nuovo entusiasmo per la vita di tutti i giorni.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Via Magenta, 64 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756 © 2017 Frontier Theme