Attacchi di panico notturni o durante il sonno, cosa fare?

Attacchi di panico notturni o durante il sonno, cosa fare?

Quante volte ci si risveglia con un battito cardiaco accelerato, sudorazione e una grande paura costante? Quante volte siete rimasti svegli la notte a causa degli attacchi di panico notturni fastidiosi?
Se si soffre di un disturbo d’ansia sicuramente si sono sperimentati gli attacchi di panico notturni, quelli che ci lasciano con una grande paura e la cosa peggiore di tutte è che è molto difficile dormire.
Chiamiamo gli attacchi di panico notturni quelli che si verificano durante la notte. Se durante il giorno sperimentiamo tutte quelle sensazioni sgradevoli di ansia, durante la notte tutto diventa più insopportabile.
Durante la notte, fin da bambini, inconsciamente si avverte più paura durante la notte rispetto al giorno.
Possiamo classificare gli attacchi panico notturni in stati.
1. Quando siamo svegli: si ha paura di addormentarsi e di non svegliarsi, temendo che possa succedere qualcosa di brutto e nessuno è lì per aiutarci.
2. Quando ci addormentiamo: durante il sonno, gli incubi e tutti quei sentimenti di ansia tendono ad essere presenti accompagnati da una paura incessante.
Che cosa succede se ho attacchi di panico notturni?
Prima di andare a dormire, è consigliabile assumere dell’ansiolitico. Recarsi da un medico per una prescrizione di un tranquillante. Questo vi aiuterà molto, dando al vostro corpo un riposo confortevole e il giorno dopo si può affrontare l’ansia in modo diverso.
Se non si ha la possibilità di ottenere farmaci ansiolitici, si può optare per un ansiolitico naturale, come la camomilla da bere durante il giorno e prima di andare a dormire, in quanto rilassa completamente il corpo, oltre che aumentare la qualità del sonno.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Via Magenta, 64 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756 © 2017 Frontier Theme