Attacchi di panico in Gravidanza

Attacchi di panico in Gravidanza: cosa fare

Gli attacchi di panico sono comuni durante il periodo premestruale, molto probabilmente a causa dei cambiamenti dei livelli di estrogeni e di progesterone. Tuttavia, il rapporto tra la gravidanza e il disturbo di panico è ancora molto contrastante. Un gruppo di ricercatori che hanno studiato le donne che hanno già avuto il problema prima della gravidanza, hanno trovato che circa il 40% delle donne non ha mostrato alcun cambiamento nei loro sintomi, il 30% ha notato un miglioramento e il 30% un peggioramento.
Inoltre, un altro punto importante è che nessuna ricerca indica un rapporto tra gli attacchi di panico e i cambiamenti nello sviluppo del bambino.

Attacchi di panico durante la gravidanza. Cosa fare?

Lo stress, la depressione e l’ansia sono delle complicazioni della gravidanza e sono legati a casi di nascite premature, ma prendere alcuni rimedi può presentare il rischio di malformazioni del bambino.
Il periodo di gestazione, i cambiamenti fisici, emotivi e sociali delle donne, le aspettative di generazione, molte incertezze, le responsabilità, i cambiamenti ormonali favoriscono l’insorgenza o il peggioramento dei disturbi psichiatrici, in particolare, appunto la depressione e i disturbi d’ansia.
Secondo delle statistiche il 10%-15% delle donne che hanno questi tipi di problemi, se non trattati, potrebbero portare ad maggiore probabilità (75%) di ricaduta. Tuttavia, può sembrare contraddittorio ma molte pazienti, durante la gravidanza, sperimentano la tristezza o l’ansia, piuttosto che la gioia . I confini tra il fisiologico e il patologico può essere molto stretto, provocando dubbi ad ostetriche, medici e psichiatri.
Secondo uno studio, vi è un gruppo di donne incinte più sensibili alle variazioni dei livelli ormonali, che possono essere determinate geneticamente. D’altra parte, ci sono donne con fattori di stress significativi: rapporto coniugale instabile, basso sostegno sociale e status socio-economico, abuso fisico e sessuale, alcol, droghe, aborti, complicazioni pre o post- parto e depressione.
E ‘comune che i medici ricevano nei loro ambulatori donne con depressione ricorrente, fanno uso controllato dei farmaci antidepressivi e vorrebbero rimanere incinta. Cosa fare? Sospendere il farmaco? Cambiare antidepressivo?
Nei casi di disturbi psichiatrici in gravidanza, la decisione se utilizzare farmaci antidepressivi non sarà mai privo di rischi. Tuttavia, un recente sondaggio mostra che il 77% delle donne incinte che interrompono il trattamento psichiatrico sotto il consiglio del medico.
Lo stress durante la gravidanza è, di solito, innescato da episodi come un lutto, eventi catastrofici, problemi quotidiani, stress cronico legato ad un pregiudizio, contesto sociale e questioni occupazionali. Può portare a significativi cambiamenti immunologici e infiammatori e circa il 50% delle nascite premature.
Le conseguenze dello stress, dell’ansia e della depressione nelle donne portano ad una crescita intrauterina ritardata, predisporre aborti, determinare la nascita di un bambino con ridotto perimetro del cervello, aumentare il rischio di parto prematuro, possibilità di malattie infiammatorie del sistema immunitario, resistenza dell’arteria uterina e sviluppo alterato del bambino

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Via Magenta, 64 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756 © 2017 Frontier Theme