Attacchi di panico e cura: come curare il disturbo di panico

Attacchi di panico e cura: come curare il disturbo di panico

Cura del disturbo di panico: La Terapia cognitivo-comportamentale e disturbo di panico

Il disturbo di panico è un disturbo d’ansia che si caratterizza per la presenza di attacchi di panico: spontanei, improvvisi attacchi di malessere e senso di pericolo o di morte imminente, con vari sintomi e segnali di pericolo, che di solito raggiungono il loro picco nel giro di dieci minuti.
Gli attacchi di panico possono essere innescati da vari stimoli esterni: (in una situazione in cui si è avuto il primo attacco) o interni (per i pensieri, immagini, sensazioni corporee). Essi sono percepiti come una minaccia e causano uno stato di apprensione.
Tale apprensione, o paura, possono essere accompagnati da sensazioni corporee, come la mancanza di respiro, tachicardia, sudorazione, ecc, e pensieri come “Morirò”, “Impazzirò” o “Perderò il controllo”.
Una persona che soffre di un attacco di panico diventa iper-vigile, presta troppa attenzione al proprio corpo a causa di una minaccia per il proprio benessere.
Inoltre, cercano di evitare situazioni in cui il panico è stato sperimentato in precedenza. Tali comportamenti caratterizzano l’agorafobia.
Il disturbo di panico ha importanti limitazioni per le attività sociali e professionali e per l’autostima del paziente, dato che non ci sono spiegazioni per ciò che accade, cominciando ad evitare le situazioni responsabili del proprio malessere.
Il ruolo della terapia cognitivo-comportamentale nel disturbo di panico è quello di migliorare l’interazione tra il paziente e l’ambiente, identificando modificando i propri pensieri distorti o le valutazioni erronee.
Il paziente inizia a comprendere meglio gli aspetti del proprio modo di reagire, per affrontare in modo più adeguato i sentimenti e le emozioni e di essere esposti a situazioni temute in modo da consentire la modifica dei pensieri negativi circa le conseguenze e i sintomi.

Il modello comportamentale dei disturbo di panico
Tutti i casi di ansia hanno in comportamento comune di evitamento delle situazioni che causano paura.
La prevenzione è sviluppata dall’associazione che l’individuo fa tra una maggiore ansia e una certa situazione.
L’ansia è normale in questa situazione e l’individuo comincia ad evitarla per non ripetere il disagio avvertito.
L’evitamento produce una riduzione temporanea di ansia, che rinforza il comportamento e previene la situazione temuta che non è così pericolosa, come, invece, si può pensare.
Nel disturbo di panico l’individuo tende ad evitare interazioni e situazioni di stress, come anche le proprie emozioni (ansia e manifestazioni fisiche). In questo caso, si arriva a credere che il comportamento di evitamento possa limitando la propria vita.
Il modello Barlow valorizza il condizionamento interocettivo, sostendendo che l’attacco iniziale di panico è un “falso allarme”.
L’individuo avverte uno stimolo di stress e questo malessere viene vissuto in una situazione specifica.
L’attacco iniziale è così traumatico e spaventoso che porta la persona ad uno stato di allerta in attesa di un nuovo episodio. Con questo, comincia a evitare situazioni, riducendo la propria ansia.
Il modello comportamentale, di conseguenza, si è concentrato sul condizionamento di attacco, cioè, su ogni nuovo attacco di panico spontaneo.

Trattamento
Per il cambio di comportamento di evitamento è necessario che il terapeuta sviluppi un piano di trattamento dall’analisi funzionale del comportamento e, su una dettagliata intervista, dovrebbe identificare quali sono gli stimoli che precedono il comportamento patologico e le probabili conseguenze che potrebbero esserci.
Ogni stimolo può innescare una valutazione iniziale dei rischi, soprattutto le sensazioni corporee e le conseguenze sono spesso legate ad una diminuzione dell’ansia e dei suoi sintomi fisici e ai cambiamenti nell’ambiente dell’individuo.
La tecnica comportamentale più comunemente usata nel trattamento del disturbo di panico è l’esposizione. Questa tecnica consiste nell’insegnare al paziente di affrontare le situazioni temute, trattare con i sintomi fisici causati dall’ansia durante un attacco di panico e comportarsi in modo diverso in ogni situazione.
Si prevede che vi sia una riduzione di ansia quando l’individuo entra in contatto, più volte, con lo stimolo che provoca paura e i sintomi sgradevoli.
Questo confronto causa l’idea di un risultato negativo, promuovendo la riduzione di disagio e di sicurezza per non evitare più le situazioni.
Il terapeuta dovrebbe guidare il paziente per esporre progressivamente le situazioni che generano ansia. Queste situazioni possono essere correlate all’ambiente dell’individuo (l’esposizione a stimoli esterni), oppure ai sintomi fisici (esposizione a stimoli interni o l’esposizione interocettiva). È necessario che il paziente, durante gli esercizi di esposizione, sia in uno stato di rilassamento. In questo caso, il terapeuta dovrebbe insegnare al paziente di rilassarsi e la tecnica che viene comunemente utilizzata è il rilassamento muscolare progressivo di Jacobson. E’ anche importante che i pazienti imparino la respirazione addominale che aiuta nel rilassamento e, di conseguenza, diminuisce l’ansia e sintomi fisici.
Quando si tratta di pazienti con Parkinson, i trattamenti consentono i sperimentano la situazione temuta e, quindi, si rendono conto che i loro timori sono infondati. Una volta iniziato il trattamento , è importante effettuare un monitoraggio continuo degli esercizi di esposizione per controllare i progressi compiuti. In caso contrario, il terapeuta dovrebbe identificare le variabili che interferiscono con il successo del trattamento e quali possono essere correlate tra loro, in modo da elaborare una gerarchia sulla difficoltà o sulla resistenza del paziente.
La procedura più comune è il monitoraggio quotidiano, in cui il paziente registra le situazioni di esposizione, le sensazioni provate e quelle che causano ansia.

Il modello cognitivo del disturbo di panico
L’idea del modello cognitivo consiste nel vivere le emozioni come risultato di un’ interpretazione e una valutazione del singolo. Ciò significa che lo stesso evento può scatenare emozioni diverse in diverse persone e in situazioni simili o addirittura emozioni diverse nella stessa persona in momenti diversi.
Queste interpretazioni di ogni singola persona costituiscono un modo di pensare che guida e aiuta a stabilire criteri di idoneità nel proprio ambiente. Quando queste valutazioni di situazioni sono pensieri negativi e / o irrazionali, portano a difficoltà di adattamento dell’individuo al suo ambiente distorto. Di solito, le persone che soffrono di ansia tendono a sovrastimare il pericolo e interpretano una varietà di situazioni come una minaccia e si sentono vulnerabili perché credono che sia il mondo sia gli altri possono causare una situazione di malessere.
Gli individui che soffrono di attacchi di panico tendono a interpretare le loro sensazioni fisiche in modo catastrofico e credono che la situazione sia molto più pericolosa di quanto siano in realtà.

Si consideri il seguente esempio.
Un uomo di 30 anni sta lavorando, quando, improvvisamente, inizia a sudare, ad avere mancanza di respiro, vertigini, debolezza, una sensazione di instabilità. Era in un tale stato che doveva essere portato in ospedale. Non è stata riscontrata nessuna anomalia fisica ma un “attacco di ansia acuta”. La chiave di ciò che è accaduto è solo nei suoi pensieri.
Egli ha interpretato questi sintomi come ciò che temeva di più: un attacco di cuore. Una volta che è iniziata la reazione di paura, il soggetto interpreta ciò che si è verificato come un problema fisico o mentale, portando i sintomi ad una catastrofe ed innescando quelli più fisiologici, raggiungendo l’attacco di panico.
Questa sequenza inizia con una errata interpretazione proprio delle sensazioni fisiche (stimoli interni) e / o di stimoli esterni come un segnale di pericolo imminente. Questa interpretazione distorta produce uno stato di apprensione che comporta un’intensificazione delle sensazioni fisiche che, in stati di ansia, sono considerati normali.

Trattamento
E ‘necessario aiutare il paziente a identificare e modificare le proprie interpretazioni sulle sensazioni fisiche e le valutazioni distorte delle situazioni in cui ha spesso attacchi di panico. In questo caso, la tecnica cognitiva è quello di formare il paziente a rivedere il circolo vizioso di attacchi e valutare le prove dei propri pensieri e immagini relative alla minaccia della salute fisica ed emotiva.
Al paziente deve essere insegnato a sostituire i pensieri negativi con altri più realistici, perché se vengono spiegati e i disastri sono estremamente improbabile, la paura è ridotta e vi è un taglio al circolo vizioso.
L’oggetto del sistema di allarme è attivato da una cattiva interpretazione iniziale della natura dei sintomi, credendo di avere un infarto. Se, invece, si riesce a capire ed affrontare ciò che sta accadendo, vi è una reazione fisiologica naturale e non si andrebbe incontro al panico e al terrore.
Inoltre, gli attacchi di panico non sono così inusuali e, nel corso del tempo, si potrebbe cominciare a osservare più da vicino le circostanze della propria vita e le risposte emotive e scoprire che lo stress potrebbe causare ad avere intense reazioni.
Si potrebbe quindi imparare a rispondere con più calma e con fiducia a questo stress, così come ai sintomi dell’ansia. Alcune domande possono aiutare a identificare i pensieri negativi e /o le immagini distorte e cattive associate all’ansia, ad esempio: “Cosa ti passava per la mente in quel momento” oppure “È stato immaginato qualcosa che potrebbe accadere a voi? “ o “Questa situazione cosa ha significato per te?”.
Normalmente, il disturbo di panico e i pensieri del paziente sono legati alla previsione di un disastro e devono, pertanto, essere valutati. Alcune domande facilitano questa valutazione, ad esempio, “Quali sono le prove a sostegno di questa idea?”, “Quali sono le prove contro questa idea” oppure “c’è una spiegazione alternativa?”.
Spesso i pensieri contengono una parte di verità ed è necessario riconoscerlo.
Quando il pensiero è valido, è importante chiedere al paziente, “Qual è la cosa peggiore che potrebbe accadere?” oppure “Qual è il risultato più realistico?”
Questo è noto come ristrutturazione cognitiva e il suo obiettivo finale è quello di diventare più consapevoli del proprio pensiero attraverso dei processi che consentono al paziente la correzione di errori logici.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Via Magenta, 64 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756 © 2017 Frontier Theme